• +49 (0) 2226 89228-0
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  • Mo.-Fr. 8:00-16:30 h

Visione diurna e notturna / luce rossa

Image

Visione diurna e notturna

Giorni di sole e notti buie: l'occhio umano può adattarsi a grandi differenze di luminosità. Ma è anche sensibile all'abbagliamento.
Chiunque abbia mai guardato direttamente in una torcia luminosa e brillante al buio può riconoscerlo immediatamente. L'occhio è in grado di adattarsi a diverse condizioni di luce per la propria protezione, il cosiddetto adattamento luce-buio. Quando la luminosità cambia, l'occhio ha bisogno di tempo per adattarsi. La prestazione visiva attuale è determinata dal rispettivo stato di adattamento.

La regolazione dal buio alla luce richiede solo pochi secondi. Al contrario, l'occhio può impiegare più di 30 minuti per adattarsi dalla luce all'oscurità, ad es. B. quando si lascia una stanza ben illuminata al buio di notte.
I coni nella retina registrano la luce del giorno, per cui ci sono tre diversi tipi di coni per i colori primari blu, rosso e verde. La visione notturna, invece, è affidata alle aste molto più sensibili alla luce, che a loro volta possono distinguere solo tra sfumature di luminosità o sfumature di grigio.

L'adattamento del sistema visivo alle mutevoli intensità luminose avviene in più fasi. Il primo stadio è il restringimento riflesso o l'allargamento della pupilla. Quando il diaframma dell'iride è aperto, fino a 80 volte più luce entra nell'occhio rispetto a quando il diaframma è quasi chiuso. Nella seconda fase, a seconda delle condizioni di luce, vengono attivati ​​in particolare i bastoncelli oi coni nell'occhio. Le aste consentono solo la visione in bianco e nero. Sono i deboli recettori della luce nell'occhio, cioè si attivano al crepuscolo (visione scotopica o visione d'ombra). In condizioni di luce intensa, i coni sono preferibilmente attivi e consentono la visione dei colori (visione fotopica o visione chiara).

Se l'occhio adattato al buio è esposto a una fonte di luce (eccetto la luce rossa), la visione notturna viene annullata in pochi secondi, poiché le aste reagiscono immediatamente alla fonte di luce.
La luce rossa con la sua curva spettrale è al di fuori della sensibilità delle aste (vedi visione notturna curva blu nello schizzo 1). Non ha alcun effetto sul processo di adattamento, quindi la visione notturna viene mantenuta a lungo!
Altri colori, ad eccezione del colore ambrato, rientrano nel raggio di ricezione delle aste e quindi influenzano il processo di adattamento più o meno rapidamente.

Image

Schizzo 1 (curva V-lambda) blu: visione notturna / rosso: visione diurna

Image

Schizzo 2 Andamento temporale dell'adattamento dell'occhio all'oscurità

Image
red-white-nightlight_100px.png

 

Tutte le luci contrassegnate da questo simbolo sono disponibili con luce notturna rossa commutabile.

© 2022 prebit GmbH. Tutti i diritti riservati.